Archivi tag: sigarette

L’eleganza, ovvero l’arte dello scrocco

Domenica pomeriggio. Due amici si incontrano e chiacchierano del più e del meno, seduti al sole. Uno indossa una giacca dal taglio elegante e, da come la indossa, ne è evidentemente orgoglioso. L’altro, accendino alla mano, gli dice ammirandolo con aria sorniona: “Beh, proprio una bella giacca, complimenti, ti sta benissimo”. Il proprietario della giacca si inorgoglisce non poco, quando l’amico aggiunge : “Bella davvero, soprattutto il taglio delle tasche”. Tace e sorseggia la sua birra, compiaciuto.

“Non è che dentro quelle tasche avresti un pacchetto di sigarette per caso?”

Chapeau. 🙂


Annunci

1 Commento

Archiviato in amicizia, arte, eleganza, il fumo uccide

Un consiglio un po’ … azzardato.

Sentite che consiglione ci danno per smettere di fumare questi furbacchioni di Winners Club – Vincere on line (non metto il link perchè puzza di spam, se vi interessa non vi resta che cercarlo!):

” La maggior parte dei fumatori non è in grado di togliersi il vizio. Diranno che ne possono uscire quando vogliono, ma la verità è che la tossicodipendenza è troppo forte. Ora arriva un’idea che potrebbe aiutare le persone a smettere di fumare, una volta per tutte. Cominciare a giocare d’azzardo. “

Pare che un signore bavarese abbia investito quello che spendeva quotidianamente per le sigarette in biglietti della lotteria e grattini vari, diventando il fortunato vincitore di una discreta sommetta.

“Le persone con problemi di dipendenza trovano più facile cacciare via un’ abitudine dando il via ad un’ altra. Mentre l’uomo si stava auto-curando, è accaduta una cosa ironica. Ha vinto la lotteria. Adesso è un ex fumatore , milionario”.

Ma pensa te, non mi era mica venuto in mente … Geniale, no?

cards.jpg

Lascia un commento

Archiviato in come, il fumo uccide

Ragazzi, è dura.

Ragazzi, lo confesso: ieri sera stavo per cedere. Sono passati quasi tre mesi ma a me sembrano tre minuti da quanta è ancora la voglia di fumare. Se volete vi descrivo la sintomatologia: se state smettendo di fumare e osservate la presenza di uno solo di questi sintomi dovete prendere provvedimenti immediatamente. Se constatate la presenza di due o più sintomi contemporaneamente siete quasi senza speranza: o correte a casa e vi rimettete a leggere tutta la pappardella di Easy Way  (l’oblio duraturo è garantito) oppure vi conviene scolarvi una bottiglia di qualcosa di forte e andare a dormire anche se sono le tre del pomeriggio.  I sintomi sono, nell’odine:

1. Fumano tutti, tutti i vostri amici, tutti i passanti compresi i bambini, i muri, le sedie e i tavoli. Tutto il mondo fuma e si diverte tranne voi che siete troppo intenti a pensare a quanto dareste pur di fumarvi una cicchettina, o almeno un tiro. Uno solo. Mezzo.

2. Avete una grandissima voglia di ingurgitare smodatamente qualsiasi cosa di commestibile nel raggio di un chilometro o, in alternativa, di bere qualsiasi cosa di super alcolico anche la sambuca che non vi è mai piaciuta.

3. Nonostante vi sforziate di visualizzare immagini positive, tipo spiagge incontaminate, belle donne o uomini a seconda dei vostri gusti, montagne verdeggianti e cascate sonore, uccellini cinguettanti e tutto l’armamentario new age, l’unica immagine che vi sembra veramente positiva è quella di voi che aggredite un amico per sottrargli la sigaretta mezzo fumata.

4. Provate un forte senso di rimpianto per il periodo meraviglioso in cui fumavate liberamente e un gran pentimento per aver deciso di smettere.

Io ieri sera li avevo tutti, e anche altri su cui preferisco sorvolare.

Dura è la vita dell’orgoglioso che decide di smettere di fumare: non può neanche degnamente fare marcia indietro.

2 commenti

Archiviato in bere, cibo, il fumo uccide

La cicca dell’attesa costa cara a Trenitalia

treno9991vn43.jpg

Quando fumavo, una delle situazioni in cui proprio non riuscivo a resistere alla tentazione di accendere una sigaretta era l’attesa: una coda in macchina, un amico da aspettare, un treno in ritardo. E quante volte è capitato che il treno fosse in ritardo? A dire il vero capita ancora, eccome se capita, soprattutto qui nel Veneto felix: la Regione ci è andata giù pesante un’altra volta con Trenitalia, comminandole una super multa che verrà tramutata, come per magia, in sconti sugli abbonamenti per studenti e lavoratori pendolari. Insomma, io ho smesso di fumare, ma i treni non hanno smesso di essere in ritardo, anzi. E mi è più dolce resistere all’attesa sapendo che in aprile l’abbonamento per Padova mi costerà 5 euro e non i soliti 50 euro circa (circa perchè ovviamente non c’è nessun tariffario da nessuna parte dove si possano consultare i prezzi degli abbonamenti, nonchè dei biglietti a fascia kilometrica).

Detto questo però vorrei aggiungere una considerazione: non ho visto nessun cartellone o informazione di qualunque tipo nelle stazioni che frequento, tranne tonnellate di questionari di gradimento che gli utenti dovrebbero rimandare via fax (mi fanno morire questi burocrati) abbandonati sulle panche delle sale d’attesa. La Regione dovrebbe obbligare l’azienda a sputtanarsi un po’. Inoltre secondo me questa misura non porta benefici duraturi: tanto i soldi per pagarla li rastrellano molto facilmente aumentando le tariffe quando e come gli pare (da quando lavoro a Padova, ovvero dall’ultimo trimestre del 2006, l’abbonamento è aumentato di quasi 10 euro) o facendo pagare all’utenza 31 kilometri come se fossero 40 senza batter ciglio. Se trovo il genio che ha inventato le fasce kilometriche gli sputo in un occhio!

Ok dai, cerchiamo di non trasformare una bella notizia in una brutta fazenda … altrimenti mi sa che alla prossima attesa mi precipito di nuovo dal tabacchino! Buono mese gratis a tutti!

Lascia un commento

Archiviato in contributi, cosa, dove, Ferrovie dello Stato, il fumo uccide, Italia allo sfascio, pendolari

Gemellaggio

Qualche tempo fa mi sono resa conto che ho un alter ego (o io sono l’alter ego di qualcun altro) : ebbene sì, pensavo di essere stata una pioniera ed invece esiste un’altro Iosmetto nell’universo on line. Proprio un’ideona originale, la nostra, non c’è che dire! Ho comunque provato ad iscrivermi al loro forum ma purtroppo il collegamento al form di iscrizione non funziona con nessuno dei miei browser, ci riproverò. Ovviamente il forum ed la community sono dedicate allo stesso tema che ha spinto me ad aprire questo blog. Proporrò loro un gemellaggio … vediamo se l’unione fa la forza veramente. Intanto segnalo il loro link sperando che qualche link presente nella pagina funzioni:

http://iosmetto.altervista.org/

2 commenti

Archiviato in come, cosa, il fumo uccide

Matite e sigarette: ancora su Marjane Satrapi

Facendo un giretto per la rete ho trovato questa interessante intervista all’acclamata autrice di Persepolis, Marjane Satrapi, di cui ho già parlato qualche giorno fa.

L’intervistatrice, Deborah Solomon, le fa delle domande interessanti sulla sua posizione rispetto alla questione “femminile”, oltre che riguardo all’arte del fumetto. L’intervista si chiude con una domanda apparentemente banale: come mai, chiede la Salomon, ha scelto di vivere a Parigi. Ecco come risponde la nostra accanita disegnatrice:

Mi piace vivere lì perché posso fumare ovunque, ma questo sta cambiando. Forse andrò a stare in Grecia, perché là puoi ancora accenderti una sigaretta dove ti pare. Probabilmente alla fine lasceranno un solo paese in cui si permette di fumare, per tutti quelli che al mondo non vogliono smettere, e io andrò là. Fumare ti uccide, ma la vita ti uccide comunque, e se proprio non vuoi morire allora chiuditi in frigorifero appena nasci, così non ti capiterà nulla.

Ecco, se fossi ancora una fumatrice la penserei esattamente così.

Qui troverete il testo integrale dell’intervista.

Già che ci siamo, date anche un’occhiata a questo link: una bella recensione di Persepolis dal sito “Il Paese delle donne”.

Lascia un commento

Archiviato in arte, cinema, femminismo, il fumo uccide, politica

Nicotina mon amour.

Riporto interamente e senza censure una conversazione tenutasi oggi tra me ed un mio caro, vecchio amico. Quello che è incredibile è che nessuno dei due era sotto l’influsso di alcuna sostanza psicotropa. Ovviamente modificherò il nome per questioni di privacy (e di dignità, più che altro).

12:52 PM Mr Muscolo: Bellezza,
12:53 PM una riflessione
me: dimmi
Mr Muscolo:da quasi ex-fumatore
me: ah ah ah
Mr Muscolo: allora
me: hai letto il blog
Mr Muscolo: si bella l`idea
e anche la realizzazione
ma il concetto e` questo
12:54 PM la dipendenza e` fisica
ed e` quella piu` difficile da combattere
me: secondo me no
Mr Muscolo:perche`
12:55 PM me: però penso anche che ognuno di noi abbia un corpo e una mente differente
chi più chi meno
mente intendo
Mr Muscolo:alimenta e fa nascere quella psicologica
se il tuo corpo ha bisogno di liquidi
hai sete
se hai bisogno di vitamine ti fa venir voglia di arance
12:56 PM se hai bisogno di proteine magari ti vien voglia
di formaggio
o carne
le voglie delle donne incinte sono dovute a questo
repentinamente il fabbisogno di diciamo zuccheri aumenta
12:57 PM e tu hai voglia di panettone ad agosto
se il tuo corpo ha bisogno di nicotina
non necessariamente ti viene voglia fi fumare
e qui sta il concetto
12:58 PM io credo fortemente che anche quando uno pensa che schifo le sigarette
del tipo non me la fumerei mai un`altra sigaretta
in quel momento e` il tuo corpo che ti dice ho bisogno di nicotina
esempio classico
serata, sabato sera
12:59 PM fumi un pacchetto di sigarette
al mattino della domenica ti svegli e dici
oggi niente sigarette
e poi ti ritrovi dopo un paio d`ore
che con il caffe` te ne accendi una
ora arrivo alla conclusione
1:00 PM le sigarette sono subdole
e quando credi che te ne stai liberando loro arrivano e ti seducono
ti dicono e tu pensi
ma che bravo sono stato a non fumare
pero` intanto ti mettono in testa
1:01 PM l`atto del fumare
ed e` li` che bisogna vincere
forse sono paranoico
1:02 PM ma mi ricordo che nel periodo in cui avevo smesso davvero
al mattino mi guardavo allo specchio e dicevo beh e` un po` che non fumo

1:03 PMMr Muscolo:e poi mi dicevo il fatto che io stia pensando alle sigarette vuol dire che il mio corpo mi sta dicendo che ha bisogno di nicotina
e’ adesso che devo resistere
1:07 PM sono delirante
?
(tra le righe ho voglia di una sigaretta)
1:08 PM me: Secondo me è una questione solo di testa
il tuo corpo dopo 15 giorni non si ricorda più cos’è la nicotina
a livello fisico
il resto lo fa la tua mente
e comunque secondo me è normale ricordarsi delle sigarette
perchè se hai fumato per 15 anni è dura dimenticarsene
1:09 PM Mr Muscolo:questo è vero
me: poi cmq c’è sempre una percentuale di:
mi sento figo con la cicca
la cicca mi da sicurezza
mi tiene le mani occupate mentre aspetto il tram
1:10 PM che per quanto inconsce sono sempre in agguato
Mr Muscolo:io mi sento che un fumatore però lo sarà per tutta la vita, nel senso che sarai sempre sul punto di ricominciare anche quando non te lo aspetti
si
me: non lo so …
secondo me se hai veramente chiuso hai chiuso
Mr Muscolo: infatti le sigarette più facili da eliminare sono quelle di attesa
me: certo che non sarai mai come uno che non ha mai fumato, questo sì
Mr Muscolo:quelle più dure sono quelle da rito
me: pensa che per me le peggiori sono quelle di attesa invece
1:11 PM Mr Muscolo:tipo caffe’=sigaretta
dopo pranzo
dopo cena
me: perdo il treno? subito cerco la cicca
Mr Muscolo: davvero?
me: quelle dopo pasto io le ho sostituite con un caffè o una tisana
ho cambiato rito
tieni conto che non bevevo caffè prima
Mr Muscolo: fatto bene
me: ora lo bevo, d’orzo ma lo bevo
Mr Muscolo:comunque il tuo blog è davvero interessante ed è una bella idea
1:12 PM me: (preferirei un montenegro ma capisci che non è sempre possibile!)
Grazie caro, tu leggimi sempre e commenta!!
Ovviamente l’interessato capirà che si tratta di lui… eventualmente potrà modificare il suo nick se non gli garba, a me pareva carino!

1 Commento

Archiviato in cosa, perche