Archivi categoria: eventi

Keep the motivation – Il Picnic

Ho letto in giro che una delle minacce principali che adombrano il sentiero luminoso dell’ex fumatore (e dell’ex fumatrice) è la perdita di motivazione (lo so, fa molto iuessai, ma tant’è, se la sono inventati loro questa cosa della motivazione e io gliene rendo merito) con conseguente aumento esponenziale delle possibilità di ricaduta nel meraviglioso vortice della nicotina. Ecco allora che procedo con il giochetto più vecchio del mondo : l’autoconvincimento. Ne ho una per tutte le stagioni: non sono mai stata così magra in vita mia (estate) – il mio lavoro mi piace un sacco (sempre) – tutto sommato non mi interessa molto della moda (di solito al cambio stagione, quando ti rendi conto che l’anno precedente andavi in giro con delle cose improponibili) – chissenefrega di quello che pensano gli altri (sempre) – con questi capelli corti sembro più giovane (oggi 😦 ). Ora è il turno di “fumare non mi è mai piaciuto”.

E’ primavera e, grazie alle feste ed al sole ritrovato, noi si suole ormai da qualche anno ritrovarci in campagna, finchè ce ne rimane una, con l’unico obiettivo di aumentare smisuratamente il nostro CIL (Colesterolo Interno – Lardo) con sfiziose merende a base di porchetta e vino rosso. Tale illustre simposio prende il nome di Candola, dallo strumento che serve per estrarre il vino dalla damigiana. Orbene, fu proprio in occasione di uno di questi lieti convivi, quattro anni orsono, il primo momento in cui mi resi conto che ero completamente dipendente dalle maledette cicche. Immaginate la scena: domenica pomeriggio inoltrato, penso fosse il 2 giugno. Nessuno dopo tutta la giornata ha più neanche l’ombra di una sigaretta, siamo sul Brenta ed il primo distributore (è domenica) chissà dov’è, nessuno ha voglia di andare all’avanscoperta. I fumatori si scrutano tra di loro per cogliere in flagrante il più ingenuo, il più inetto o il più brillo tra loro che malauguratamente si sogni di estrarre il pacchetto ancora pieno dalla tasca. Alcuni si allontano verso la macchina, soli, con fare guardingo e misterioso, per tornare dopo qualche minuto con l’aria di chi ce l’ha fatta. Io, completamente senza cicche, perdo qualsiasi desiderio: niente pallavolo, niente partita di carte, chissenefrega del freesbe, lungi da me vino e porchetta: l’unica cosa che voglio è una sigaretta. Dopo parecchie ore in questo stato , la proverbiale illuminazione mi folgora, appunto, come una botta in testa: sono completamente succuba delle sigarette, anche se non mi piacciono poi tanto, anche se non fumo senza chewing gum. Decido così di iniziare il primo calvario, durato ben poco: dopo qualche mese riprendo alla grande.

Riuscirò anche questa volta a superare la prova pic nic? Domani, 25 aprile, l’ardua sentenza! Intanto, sotto con il keep the motivation. Devo scrivere 200 volte la frase: fumare non mi è mai piaciuto.

fumare non mi è mai piaciuto fumare non mi è mai piaciuto fumare non mi è mai piaciuto fumare non mi è mai piaciuto fumare non mi è mai piaciuto fumare non mi è mai piaciuto fumare non mi è mai piaciuto fumare non mi è mai piaciuto fumare non mi è mai piaciuto fumare non mi è mai piaciuto fumare non mi è mai piaciuto fumare non mi è mai piaciuto …

(Vale il copiaincolla?)

10 commenti

Archiviato in amicizia, bere, cibo, cosa, dove, eventi, il fumo uccide

Tanti auguri!

394492a2llq8d2vq.gif

Oggi, anzi fra poche ore, è il compleanno di un’amica lontana, anzi, dell’amica lontana per eccellenza. Dell’amica per eccellenza.

Tanti auguri di cuore, carissima amica mia, tanto più furba di me perchè capisti subito che i martini erano molto meglio delle cicche. Vedrai che quest’anno sarà migliore.

3 commenti

Archiviato in amicizia, cosa, eventi

Non sei d’accordo con la politica demografica del tuo paese?

Un gruppo di dimostranti russi, a qualche giorno dalle elezioni, hanno deciso di esternare tutto il loro dissenso nei confronti delle politiche demografiche del loro allora non ancora eletto presidente Medvedev (che significa orso in russo), le quali mirano ad ottenere, attraverso una serie di incentivi e operazioni di impatto sociale, una forte crescita della popolazione che entro il 2045 dovrebbe arrivare a 145 milioni. Cosa decidono di fare i dimostranti?

orgia_museo_mosca_1.jpg

Accompagnati al museo di Biologia Naturale di Mosca da una specie di mago Zurlì con tanto di tuba, gli indignati cittadini si tolgono i vestiti e decidono, tutti insieme appassionatamente, di contribuire al raggiungimento degli obiettivi posti dal loro futuro presidente, giustificando per iscritto la loro performance: “Gli orsi si estingueranno presto! Dobbiamo sostenere gli orsi!”. Non c’è che dire: obbedienti e soprattutto pronti questi russi!

Cosa c’entra con smettere di fumare questo post? Assolutamente niente, ovviamente! Non posso mica solo pensare alle sigarette, altrimenti ammattisco! Poi, visto che siamo in clima di elezioni anche in Italia, cercavo un’apertura interessante per la categoria. Mi pare di averla trovata.

5 commenti

Archiviato in arte, come, cosa, dove, eventi, politica

No smoking day 2008, o come smettere senza dignità.

Grazie alla segnalazione di un amico che la sa molto lunga, riesco ad arrivare in tempo per segnalare sul mio blogghetto questo evento: il No smoking day 2008. Che sarebbe oggi, 12 marzo 2008 per l’appunto.

A quanto pare, questi signori si sono inventati una spece di gara, iscrivendosi alla quale i partecipanti si impegnano a non fumare per una settimana. Il nesso è: se ce la fai per una settimana, puoi farcela per sempre (che condivido in pieno, tra l’altro). Ti mandano dei gadget di dubbio gusto, del supporto psicologico via mail o sms, ti fanno un certificato, ti fanno mandare delle ecard ai tuoi amici.

Ti aiuteranno anche a smettere di fumare, ma la dignità, ti fanno smettere anche con quella? Comunque per non sbagliare io mi sono iscritta ed ecco qua il mio bravo certificato:

certificatephp.gif

certificatephp.gif

Lascia un commento

Archiviato in cosa, dove, eventi

Tutto liscio

Finora tutto liscio. Nessun tiro, nessun cedimento, niente. Non sembro nemmeno io!

Il concerto di Vincio Capossela è stato emozionante, eravamo solo un centinaio di persone e l’atmosfera era estremamente intima. Ha eseguito alcune lamentazioni di Michelangelo e parecchi brani da “Canzoni a Manovella” che è poi il mio album prefrerito fra i suoi, o almeno quello che conosco meglio. Verso la fine del concerto ha anche cantato la mia preferita in assoluto, I pianoforti di Lubecca. Memorabile. Poi non pensavo fosse così raffinato e bravo dal vivo.

L’unico neo è stata la lunga attesa (che in altri tempi mi avrebbe portato a fumare un fantastiliardo di sigarette almeno) l’ora tarda ed il conseguente ritardo mastodontico in ufficio la mattina dopo. Ma no cigarettes, e questo è ciò che conta!!

Ed è filato tutto liscio anche durante il week end. Che sia un miracolo?

A proposito di “Canzoni a Manovella”, ho scovato un bel blog a tematica musicale che si intitola proprio così: http://canzoniamanovella.blogs.it/

Lascia un commento

Archiviato in eventi, musica, perche

Il concerto dei congiurati

Oggi è San Valentino, non che mi interssi in realtà. Però ecco come trascorrerò la serata:

http://brunelloantiruggine.blogspot.com/2008/02/vinicio-capossela-per-gli-innamorati.html

Uno che fuma poco e niente …

Ecchilo! Tu quoque

Speriamo che nel nuovo album abbia iserito una canzone del tipo “La Ballata del Non Fumatore”, oppure che l’album si intitoli “Buttiamo i cerini”.
Chissà se ce la farò anche stavolta, ogni uscita è un grosso rischio: stasera siamo in 5, di cui 3 fumatori armati fino ai denti e uno che non ha mai fumato in vita sua (ovvero molto poco attendibile). Un San Valentino piuttosto affollato!

Lascia un commento

Archiviato in dove, eventi, musica, quando